PERUGIA ASSISI BEVAGNA CITTA' DI CASTELLO DERUTA TODI GUBBIO LAGO TRASIMENO MONTEFALCO
Todi / Cosa vedere

Gli Etruschi prima e i romani poi hanno fatto di Todi un borgo ricco di affascinanti architetture e testimonianze storiche. Ma è nel 1500, dopo un periodo di decadenza, che la città beneficiò della spinta artistica e innovatrice dell’epoca rinascimentale, che l’ha resa un piccolo gioiello da ammirare in tutta la sua bellezza.

La visita della città non smentisce ciò che la sua vista da lontano promette: pervasa da un’atmosfera medievale e ricca di testimonianze delle diverse epoche storiche, Todi costituisce senz’altro una delle mete imperdibili dell’Umbria.

Da non perdere

Il Borgo offre davvero moltissimo a chi decide di visitarlo. Per chi vorrà esplorare la città, non potrà fare a meno di visitare il meraviglioso Tempio della Consolazione, eseguito nel XVI secolo su disegno di Bramente, presenta una struttura a pianta centrale sormontata da una bella cupola e che ospita sul suo altare un’antica immagine della Madonna, la quale, secondo la tradizione, si dice essere miracolosa.

Un’altra imperdibile particolarità di Todi sono i suoi tesori sotterranei. Proprio sotto Piazza del Popolo si trovano le Cisterne. Un meraviglioso esempio dell’ingegno dei romani che le utilizzavano per raccogliere l’acqua piovana.

Todi non è soltanto arte e architettura storica. Non tutti sanno che nel paese si trova la casa dipinta da Patrick Ireland (alias Brian O’Doherty) e di Barbara Novack, una vera e propria opera d’arte contemporanea che nasconde profondi significati simbolici. 

I luoghi dell'arte

Tra le cose da vedere a Todi, una delle vedute più belle è sicuramente quella di Piazza del Popolo, in cui sono ospitati il Museo lapidario, La Pinacoteca Civica e il Museo Etrusco Romano, il duecentesco Palazzo del Capitano e il Palazzo dei Priori, forse il più bello dei tre.

Altro monumento assolutamente imperdibile è il Duomo, eretto nel XII secolo sui resti di un tempio dedicato al dio Apollo, è caratterizzato da una lunga scalinata d’accesso e da una bella facciata romanica. Salendo le scale, dall’alto della gradinata è possibile godere di una fantastica veduta dell’intera Piazza.

Poco distante, a circa 20 metri dalla piazza, si trova la Chiesa di San Fortunato, dedicata al Santo patrono della città ed edificata nel XIII secolo. Conserva nella cripta la tomba del poeta umanista Jacopone da Todi e presenta un bellissimo affresco di Masolino da Panicale.

Adiacente a Piazza del Popolo, Piazza Garibaldi offre una vista mozzafiato della campagna sottostante e per un altro bel panorama è possibile salire sul campanile di San Fortunato e godere di un panorama unico dal quale si intravede persino Perugia.

Eventi e festival

Tantissime sono le manifestazioni e gli eventi che arricchiscono la vita culturale di Todi. In estate è ormai una tradizione il Todi Festival, rassegna annuale di teatro di prosa e lirico, di danza, di musica colta ed etnica, di arti visive e di incontri letterari. Si svolge solitamente a cavallo tra la fine di agosto e gli inizi di settembre.

Altro evento imperdibile è la Rassegna Antiquaria d’Italia: una delle più antiche e prestigiose mostre di antiquariato del mondo che si svolge tradizionalmente a partire dal giovedì Santo per chiudersi alla domenica successiva alla Pasqua.

Ma tra tutti, ciò che non bisogna davvero perdere, se si visita Todi in estate, è il Gran Premio Mongolfieristico: raduno internazionale di mongolfiere, provenienti da tutto il mondo, che riempiono di colore e allegria i cieli tuderti. L’evento si tiene la seconda settimana di Luglio.